Comunicazione e marketing, Nuove visioni

Oltre quello che gli occhi vedono

oltrelosguardoCi siamo trovati qualche giorno fa a discutere sul caso concreto di un cliente che ci ha contattato per la realizzazione di un portale di e-commerce e quindi con lo staff tecnico e consulenziale ci siamo seduti al tavolo per discutere su come proporre al cliente questo strumento.

Il dubbio però che ci è subito balenato alla mente è stato: Ma siamo certi che dobbiamo proporre un strumento, cioè un software web-based in gradi di gestire un’attività di e-commerce ?

Il Cliente ci ha chiesto di realizzargli un oggetto con catalogo, carrello, bella grafiche, facilmente usabile, eccetera, uno strumento, appunto, oppure ci ha chiesto di “vendere on line” ?

Anche se, in apparenza, le due risposte possono apparire simili in realtà nascondono due verità completamente diverse: nel primo caso gli si consegnerebbe un strumento molto ben fatto, nel secondo caso gli si consentirebbe di avere successo.

Attenzione, non sto dicendo, che il primo strumento non sarebbe utile o non riuscirebbe a raggiungere, se opportunamente “usato”, il successo, sto dicendo che nel secondo caso, dal primo momento in cui si parte per il progetto concordato con il cliente, si avrebbe in mente la meta finale, la direzione da intraprendere, le tappe del percorso da seguire per raggiungere i risultati auspicati.

Tutta un’altra cosa. Nel primo caso avremmo guardato uno strumento e le sue funzionalità tecnologiche e gli accorgimenti necessari per farlo funzionare al meglio, avremmo confrontato altri strumenti similari realizzati anche nello stesso settore merceologico, ne avremmo anche cercato di studiare i segreti, la grafica, le modalità di indicizzazione, avremmo cercato, dopo, di realizzare un qualcosa di meglio.

Nel secondo approccio, invece non ci saremmo occupati in prima battuta dello strumento, o degli strumenti, ma avremmo provato a fare un esercizio: andare oltre quello che gli occhi vedono. 

Per fare ciò bisogna immaginare già il “vendere on line” del nostro cliente e ripercorrere a ritroso le tappe che hanno costruito quel successo:  la mentalità, la voglia , il sogno, tutto ciò che c’è stato dietro.

I nostri occhi forniscono spesso, anzi sempre, un’immagine da elaborare al nostro cervello alla nostra mente, in questo caso potremmo dire che deve essere la nostra mente a fornire ai nostri occhi una visione diversa.

E la storia sarà diversa.

Proviamo ad approfondire ?… Scrivimi !

1 thought on “Oltre quello che gli occhi vedono”

I commenti sono chiusi.